I criteri diagnostici per l’Episodio Maniacale secondo il DSM-IV-TR sono i seguenti:

Durante il periodo di alterazione dell’umore, tre (o più) dei seguenti sintomi sono stati persistenti e presenti a un livello significativo (quattro se l’umore è solo irritabile):

  1. Un periodo definito di umore anormalmente e persistentemente elevato, espansivo o irritabile, della durata di almeno una settimana (o di qualsiasi durata se è necessaria l’ospedalizzazione).

    1. autostima ipertrofica o grandiosità

    2. diminuito bisogno di sonno (per es., si sente riposato dopo solo 3 ore di sonno)

    3. maggiore loquacità del solito, oppure spinta continua a parlare

    4. fuga delle idee o esperienza soggettiva che i pensieri si succedano rapidamente

    5. distraibilità (cioè, l’attenzione è troppo facilmente deviata da stimoli esterni non importanti o non pertinenti)

    6. aumento dell’attività finalizzata (sociale, lavorativa, scolastica o sessuale) oppure agitazione psicomotoria

    7. eccessivo coinvolgimento in attività ludiche che hanno un alto potenziale di conseguenze dannose(per es., eccessi nel comprare, comportamento sessuale sconveniente, investimenti in affari avventati).

 

  • L’alterazione dell’umore è sufficientemente grave da causare una marcata compromissione del funzionamento lavorativo o delle attività sociali abituali o delle relazioni interpersonali o da richiedere l’ospedalizzazione per prevenire danni a sé o agli altri, oppure sono presenti manifestazioni psicotiche

  • I sintomi non sono dovuti agli effetti fisiologici diretti di una sostanza (per es., una droga di abuso, un farmaco o altro trattamento) o di una condizione medica generale (per es., ipertiroidismo)

 

 

I criteri diagnostici per l’Episodio Ipomaniacale secondo il DSM-IV-TR sono i seguenti:

  1. Un periodo definito di umore persistentemente elevato, espansivo o irritabile, che dura ininterrottamente per almeno 4 giorni, e che è chiaramente diverso dall’umore non depresso abituale.

  2.  

    Durante il periodo di alterazione dell’umore tre (o più) dei seguenti sintomi sono stati persistenti e presenti ad un livello significativo (4 se l’umore è solo irritabile):

    1. autostima ipertrofica o grandiosa

    2. diminuito bisogno di sonno (per es., sentirsi riposato dopo solo 3 ore di sonno)

    3. maggiore loquacità del solito, oppure spinta continua a parlare

    4. fuga delle idee o esperienza soggettiva che i pensieri si succedano rapidamente

    5. distraibilità (cioè l’attenzione è facilmente deviata da stimoli esterni non importanti o non pertinenti)

    6. aumento dell’attività finalizzata (sociale, lavorativa, scolastica o sessuale), oppure agitazione psicomotoria

    7. eccessivo coinvolgimento in attività ludiche che hanno un alto potenziale di conseguenze dannose(per es., eccessi nel comprare, comportamento sessuale sconveniente, investimenti in affari avventati).

  3. L’episodio si associa ad un chiaro cambiamento nel modo di agire, che non è caratteristico della persona quando è asintomatica.

  4. L’alterazione dell’umore e il cambiamento nel modo di agire sono osservabili dagli altri.

  5. L’episodio non è abbastanza grave da provocare una marcata compromissione in ambito lavorativo o sociale, o da richiedere l’ospedalizzazione , e non sono presenti manifestazioni psicotiche

  6. I sintomi non sono dovuti all azione fisiologica diretta di una sostanza (per es., una droga di abuso, un farmaco o un altro trattamento), o ad una condizione medica generale (per es., ipertiroidismo).

 

 

EPISODIO MISTO

 

I criteri diagnostici per l’Episodio Misto secondo il DSM-IV-TR* sono i seguenti:

  1. Risultano soddisfatti i criteri sia per l’Episodio Maniacale che per l’Episodio Depressivo Maggiore (eccetto per la durata), quasi ogni giorno, per almeno 1 settimana.

  2. L’alterazione dell’umore è sufficientemente grave da causare una marcata compromissione del funzionamento lavorativo o delle attività sociali abituali o delle relazioni interpersonali, o da richiedere l’ospedalizzazione per prevenire danni a sé o agli altri, oppure sono presenti manifestazioni psicotiche.

  3. I sintomi non sono dovuti agli effetti fisiologici diretti di una sostanza (per es., una droga di abuso, un farmaco o un altro trattamento), o di una condizione medica generale (per es., ipertiroidismo).

 

 

DISTURBO BIPOLARE I

 

     Secondo il DSM-IV-TR*, la caratteristica essenziale delDisturbo Bipolare I è un decorso clinico caratterizzato dalla presenza di uno o più Episodi Maniacali o Misti.

     Spesso gli individui hanno presentato anche uno o più Episodi Depressivi Maggiori.

 

 

DISTURBO BIPOLARE (di tipo II)

 

Criteri diagnostici:

 

A. Presenza (anche in anamnesi) di uno o più Episodi Depressivi Maggiori.

 

B. Presenza (anche in anamnesi) di almeno un Episodio Ipomaniacale.

 

 

 

American Psychiatric Association (2000). DSM-IV-TR Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders , Fourth Edition, Text Revision.Edizione Italiana: Masson, Milano.

 

 

 

 

Dott. Stefano Blasi, Ph.D, Psicologo Clinico e Psicoterapeuta, Specializzato in Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale,

Via Che Guevara 79/b , 60022, Castelfidardo (AN) P.Iva: 02575640426   ​

Cell: 3382448559  Email: blasi.stefano@libero.it

 

Ricevo su appuntamento a Castelfidardo (AN) e Jesi (AN) 

Copyright © 2014  www.stefanoblasi.it

Privacy e Cookie

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al suo funzionamento. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.